Una nuova forma di investimento: il KickBond

Cosa sono i KickBond

I KickBond sono una nuova forma di investimento che coinvolge le squadre di calcio che sta riscuotendo un notevole interesse tra gli investitori ma che rappresenta anche un rischio per il capitale investito. Di fatto, i KickBond sono prestiti obbligazionari emessi da squadre di calcio in quanto Società, il cui rendimento è legato ai risultati delle squadre e dei singoli loro calciatori.

Queste obbligazioni possono essere sottoscritte da investitori persone fisiche di maggiore età o anche da persone giuridiche attraverso piattaforme online come, ad esempio, Kickoffers. Se non sei addentro ai meccanismi finanziari, probabilmente ti starai domandando cosa sono i prestiti obbligazionari; questi sono dei prestiti richiesti da imprese o Enti che emettono delle Obbligazioni al fine di finanziare la propria attività garantendo un rendimento al finanziatore che diviene, quindi, obbligazionista.

Quest’ultimo, quindi, è colui il quale presta denaro all’impresa ottenendone la restituzione al termine del periodo prestabilito oltre al rendimento determinato dal tasso di interesse applicato sulla somma prestata. L’interesse può essere fisso, stabilito in anticipo in fase di sottoscrizione oppure può essere variabile in funzione di elementi considerati per la loro determinazione.

Come funzionano i KickBond

In linea generale i KickBond funzionano allo stesso modo di una comune obbligazione emessa da qualunque Impresa o Ente, ovvero una squadra di calcio emette un’obbligazione (o altresì detta Bond) per un determinato importo fissando anche il rendimento e legando l’interesse alle prestazioni agonistiche della stessa squadra o a quelle di un suo giocatore in particolare, detto Relevant Player.

Questa operazione finanziaria è stata praticata per la prima volta, in Italia, dalla Società calcistica del Chievo Verona e più nello specifico legando il KickBond al suo giocatore centrocampista Valter Birsa e per questo chiamato Valter Birsa 2018-2021 Tasso Variabile in quanto tale strumenti di investimento ha un orizzonte temporale triennale, quotato alla Borsa di Malta e monitorato dalla Malta Financial Services Authority. Convenzionalmente e per semplicità viene denominato “Birsa Bond”.

Con questa obbligazione il Chievo intende puntare alla raccolta di 3 milioni di Euro con un termine di sottoscrizione al 15 giugno 2018 e con lo scopo di migliorare la propria gestione operativa, sviluppare il proprio vivaio e fidelizzare i tifosi. La durata triennale dell’investimento coincide con la scadenza del contratto del giocatore con la Società. Il sottoscrittore, l’investitore, ha la facoltà di cedere il KickBond in qualunque momento al prezzo fissato sul mercato dall’Exchange. Questo investimento prevede quote variabili di sottoscrizione a partire da soli 100 Euro e con limite massimo individuale di 5 mila Euro. L’acquisto e la vendita dell’obbligazione è gravata da un costo pari all’1% del capitale versato con un  minimo di 3 Euro.

L’interesse riconosciuto dalla Società agli investitori è a carattere variabile ed è determinato dal piazzamento della squadra nella classifica di campionato e nelle coppe, dalle prestazioni del Relevant Player in termini di Goal, Assist e cartellini subiti e dall’eventuale cessione del giocatore con plusvalenza durante il Calciomercato. L’interesse previsto dal Chievo nell’ipotesi di 15° posto in campionato, quarti di finale in Coppa Italia e Birsa che segna 5 goal, con 6 assist vincenti, con 4 ammonizioni e 1 espulsione, ammonterebbe all8,6%. Qualora il Relevant Player fosse ceduto con una plusvalenza prima della scadenza naturale del contratto, all’investitore il Chievo riconoscerebbe il capitale rivalutato del 5%. I rendimenti sono soggetti a tassazione del 26%.

I Kickbond sono sicuri?

Come ogni obbligazione, la restituzione del capitale e degli interessi è a rischio in caso di insolvibilità da parte della Società o di suo fallimento e i bond non sono affatto sicuri in questo senso, esistendo il diritto al rimborso prima degli azionisti ma dopo i creditori, quindi c’è un reale rischio di perdita. Tutto dipende dalla solidità della Società, ovviamente ma gli indici attuali in termini finanziari del Chievo mostrano una situazione con una certa instabilità che rappresenta una dose di rischio per i sottoscrittori.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *